Percorso

Attività Alunni

 

Ligabue_Clil.PNG

 

Clil teaching: Antonio Ligabue and the naïf expressiveness of painting

Nati dall’incontro della lingua inglese e dell’arte, il video e la presentazione multimediale qui pubblicati sono stati realizzati dalle classi VA e VB del Liceo Classico di Luzzi.

La scelta della tematica Antonio Ligabue and the naïf expressiveness of painting è stata concordata dal docente di Storia dell’Arte, Prof. Romolo Trotta e dalla docente di Lingua Straniera, Prof.ssa Aloe Maria Luisa.

Attraverso lo studio dell’arte naïf, si è proposto un percorso di approfondimento sulla figura di Antonio Ligabue e delle sue opere. Antonio Ligabue, pittore e scultore italiano, è tra i più importanti artisti naïf del XX secolo. Alcune tra le sue opere più famose ritraggono animali sia domestici sia esotici, a volte in lotta tra loro, a volte nell’attimo prima di lanciarsi sulla preda. Celebre il “Leopardo” del 1955 (olio su tela, 55x54 cm), la “Tigre assalita dal serpente” (olio su faesite, 66x80 cm), l’ “Aquila con volpe” del 1944 (olio su faesite, 125x110 cm).

Noti anche i suoi autoritratti.

Anche il mondo fantastico, onirico e creativo di Joan Mirò viene narrato nel PowerPoint attraverso la descrizione de “La fattoria” (olio su tela, 123.8x141.3 cm).

Nella presentazione multimediale della classe VB e nel video della classe VA con parole, voce e immagini viene raccontata la miracolosa trasformazione della sofferenza e del sogno in arte di due pittori senza tempo.

Durante questo percorso gli studenti sono stati incoraggiati a indagare sui contenuti, facendo ricorso a testi, video, immagini e hanno consolidato le conoscenze linguistiche in L2, ampliando il loro vocabolario sia nella produzione orale, sia in quella scritta.

Grazie alla metodologia CLIL (Content and Language Integrated Learning) gli alunni diventano sempre più competenti, comunicativi e fluenti in lingua straniera e raggiungono gli obiettivi programmati nella disciplina coinvolta in modo “naturale” ed efficace.

Buona visione!

La redazione (Eὕρηκα!)

 

Per l’edizione 2020 del Concorso nazionale Rotary International “LEGALITÀ E CULTURA DELL’ETICA” dal tema: “La legalità e l’etica nel WEB: uso corretto e responsabile”, promosso dai Distretti italiani del Rotary International, la COMMISSIONE ha voluto premiare, con una “Menzione Speciale”, il nostro alunno GABRIEL SPROVIERI della classe terza sez. E –Scuola secondaria I grado –

Al Concorso, hanno partecipato svariate scuole italiane (medie e superiori) e università, in collaborazione con i numerosi Rotary Club italiani.

L’iniziativa, atta a favorire nei giovani, azioni positive per lo sviluppo di una coscienza etica, consapevole e coerente con i principi della legalità, nell’uso del web, ha coinvolto il corpo docenti e gli alunni dell’Omnicomprensivo.

Gli studenti gia’ molto sensibili a tale tematica, hanno lavorato con grande entusiasmo, presentando quindi alcuni filmati, fotografie, disegni e brevi saggi, tutti lavori di pregevole qualità, volti a mettere in evidenza l’uso etico del web, in un momento in cui il suo utilizzo è molto spesso distorto.

Con grande compiacimento, proprio l’opera fotografica presentata dal nostro alunno Gabriel Sprovieri è stata eletta vincitrice, -menzione speciale- , nella propria categoria.

Un plauso a Gabriel ed alla sua giovane modella, nonche’ compagna di classe Sara Perri , insieme hanno elaborato l’idea vincente,

Questo premio, è davvero un’immensa soddisfazione per l’intera scuola e comunita’ luzzese.

Sprovieri 1

Sprovieri 0

 

 


 

 

Ciao, il mio nome è Gabriel Sprovieri e ho 13 anni. Vivo in Calabria, più precisamente a Luzzi, provincia di Cosenza, frequento  la terza media presso l'Istituto Omnicomprensivo di Luzzi .

Mi piace ballare infatti pratico danza da 10 anni. Questo concorso mi ha coinvolto subito, perché ho capito che era l’opportunità giusta per poter dimostrare tramite una semplice foto, ai ragazzi di oggi ,di quanto era bello in realtà il mondo di una volta, con quella semplicità fatta da piccole cose, che anche se piccole, riuscivano a rendere la vita dei ragazzi di un tempo più felice,esaltando quelli che erano i valori dell’amicizia, della famiglia, della comunicazione e dell’amore.

Al contrario,nel mondo di oggi,tutti questi valori si perdono lasciando spazio a cose più insignificanti.Molti miei coetanei trascorrono ogni giorno attaccati allo schermo di un telefonino,allontanandosi completamente dalla vita reale e dalle persone che ne fanno parte,isolandosi sempre di più e preferendo giocare a calcio su uno schermo, piuttosto che farlo realmente in un campo con degli amici.È vero che al giorno d’oggi per molti ragazzi è più facile fare amicizia online,perché tendono a nascondere o modificare la propria personalità semplicemente per piacere agli altri,ma così facendo rischiano di perdere la propria umanità,che secondo me è la cosa più importante.Ho deciso di esprimere il mio pensiero tramite la fotografia,perché penso che molto spesso una semplice immagine possa arrivare dritta al punto,esprimendo ciò che mille parole non sono in grado di esprimere,e grazie a questa foto e anche alla mia compagna di classe Sara Perri che mi ha supportato nell’idea e che ringrazio,credo di esserci riuscito.

 

 

Da Gabriel Sprovieri.

 

IMG 3253 (1)

“Il mirabile segno del presepe, così caro al popolo cristiano, suscita sempre stupore e meraviglia”: inizia così la Lettera apostolica Admirabile signum sul significato e il valore del presepe, che Papa Francesco ha firmato domenica 1 dicembre 2019 a Greccio. Dopo averla analizzata accuratamente, con tutti gli alunni del Liceo Artistico, in ogni classe si è allestisto il Presepe secondo le proprie qualità artistiche. (foto)
 

Gli allievi del LICEO ARTISTICO e del LICEO CLASSICO dell'Istituto Omnicomprensivo Statale hanno prodotto e confezionato il disinfettante per mani introvabile nei giorni dell'allarme Coronavirus. La ricetta utilizzata è quella fornita dall’Organizzazione Mondiale della Sanità. (video Liceo Artistico) (video Liceo Classico)

 

I Coronavisus sono una vasta famiglia di virus noti per causare malattie che vanno dal     comune raffreddore a malattie più gravi. Il nuovo Coronavirus è un nuovo ceppo di coronavirus che non è stato precedentemente mai identificato nell’uomo. La malattia provocata dal nuovo Coronavirus ha un nome: COVID 19 (dove “Co” sta per corona, “VI” per virus, “D” per disease e “19” indica l’anno in cui si è manifestata).

I sintomi più comuni includono febbre, tosse, difficoltà respiratorie. Nei casi più gravi, l’infezione può causare polmonite, sindrome respiratoria acuta grave e persino la morte. Essendo il Covid 19 il virus nuovo di tale famiglia, si dice un po’ di tutto e il contrario di tutto.              

Il problema del nuovo coronavirus non è la sua gravità perché è solo dieci volte più serio dell’influenza. Preoccupa così tanto perché è molto più infettivo il che significa che si trasmette con molta facilità perché per questo nuovo virus non esiste immunità. La conseguenza di questa facilità di trasmissione si traduce in affollamenti di ospedali, di pazienti, già compromessi e affetti da altre patologie che col nuovo virus possono avere complicazioni e necessitari di terapia intensiva. Per quanto osservato finora le persone sane che sono state contagiate sembrano reagire abbastanza bene, mentre quelle fragili o affette da altre patologie sembrano essere più a rischio.

Possiamo contrastare questo virus cercando, prima di tutto, di non farci prendere dall’ansia e dal panico; cercare di stare il più possibile a casa evitando luoghi affollati e adottare tutte le raccomandazioni dell’Organizzazione Mondiale della Sanità.       Molti prenderanno il virus senza neanche accorgersene, gli altri, quelli più compromessi, potrebbero essere curati negli ospedali, ma poco alla volta senza incorrere il temuto rischio di sovraffollare le strutture sanitarie e mandare in tilt l’intero sistema sanitario.

Non lasciamoci, allora, trascinare dal delirio collettivo sull’onda di tutto quello che viene detto dai giornali e da internet e cerchiamo di non avvelenare i rapporti umani. Bisogna usare le dovute precauzioni, stare attenti ma cercare, anche, di fare una vita normale. Il “nemico invisibile” si vede ovunque e chiunque viene visto come una potenziale minaccia. Cerchiamo, allora, di non lasciarci travolgere da una cascata di informazioni distorte e confuse ma di usare il “pensiero razionale”, di cui l’uomo è dotato, per affrontare il problema e per preservare la nostra umanità, che è il nostro bene più prezioso.

In questi giorni abbiamo bisogno di lucidità e competenza, di parole ragionate da appoggiare sia sui tormenti delle nostre preoccupazioni che sulla fretta della nostra superficialità.

                                                                                           Maria Francesca Corchiola

 

 

Grande soddisfazione per il Liceo Artistico di Luzzi che è stato selezionato per la finale della decima edizione del concorso nazionale “New Design 2019” insieme ad altri 55 licei artistici con 112 opere in finale. Promossa dal Miur per valorizzare la creatività e le eccellenze dei licei artistici italiani e quest'anno dedicata al tema "da Cosa Nasce Cosa, forma e funzione del passato nell'ottica del presente", la manifestazione romana, organizzata dalla Rete Nazionale dei Licei Artistici e dal Liceo “Enzo Rossi” di Roma, ha visto la mostra evento inaugurata al Museo dei Fori Imperiali di Roma e la proclamazione dei vincitori al MAXXI, il Museo delle Arti del XXI secolo.

Il Liceo Artistico di Luzzi è stato selezionato per il progetto "M3-METROCUBO" (ispirato a un’opere di Gaetano Pesce del 1969) firmato dall'allievo Manuel Capalbo coadiuvato dai docenti Luigi Colella, Vittorio Speciale e Gabriele Ferrari.

Mesi di lavoro per concepire l'idea, realizzare gli schizzi, il progetto, il modello e approdare alla selezione per la finale nazionale conclusisi con un viaggio a Roma per la premiazione. “Un liceo di provincia come quello di Luzzi, che si avvale di bravissimi insegnanti, professionisti e artisti, deve continuare a valorizzare i luoghi in cui opera guardando oltre i confini localistici – dichiara il prof. Luigi Colella che ha accompagnato l’allievo finalista a Roma in rappresentanza del liceo. Il confronto con il resto della provincia, della regione, d'Italia e con l'estero dev'essere complementare con le attenzioni rivolte al territorio. Siamo sulla buona strada perché questo si realizzi”.

Entusiasta la Dirigente dell’I.O. di Luzzi, dott.ssa Adele Zinno, la quale afferma: “Il lavoro di gestione della nostra realtà scolastica porta a raccogliere frutti simili; perciò, mi congratulo per le qualità espresse dal Liceo Artistico in un ambito così importante come la kermesse che ha visto i nostri alunni protagonisti a Roma. E’ questo uno dei tanti traguardi raggiunti al quale seguiranno di sicuro altri”.

 

 Manuel Capalbo

 

l'allievo Manuel Capalbo davanti al progetto selezionato per la finale

 

Di seguito il progetto finalista:

 

 

0

 

 

1

 

 

 

2

 

 

 

3

 

 

 

 

 

 

VISITA I SITI DEI CORSI DEL MODULO DI ITALIANO PROGETTI PON "COMPETENZE DI BASE"  

SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO

NOI LA PENSIAMO COSI'

https://massimoriace.wixsite.com/noilapensiamocosi

 

SCUOLA SECONDARIA DI  II GRADO

CIAULA RISCOPRE LA LUNA

https://ciaulariscoprelaluna.jimdosite.com/

Il MIUR, in collaborazione con Casa Leopardi e la RAI, ha organizzato l'evento in oggetto per celebrare il bicentenario della stesura de "L'infinito" di Giacomo Leopardi.
Il 28 maggio 2019 gli alunni delle classi terze della Scuola Secondaria di I grado e quelli della Scuola Secondaria di II grado, insieme con altri studenti in tutta Italia, hanno partecipato al Flash mob #200infinito, attraverso una lettura corale della poesia e con una interpretazione della stessa in musica e danza

Al termine del Flash mob, gli alunni, rientrati nelle proprie aule, hanno seguito su RaiPlay in
diretta la manifestazione di Recanati alla presenza del ministro Marco Bussetti.

Guarda 

Foto

Video della lettura

Video della performance musicale 

Lettura infinito

Venerdì 29 marzo 2019, presso l'Auditorium dell'Istituto Omnicomprensivo Statale di Luzzi, si è tenuto l'interessante Convegno: Gioacchino da Fiore Pensatore Pittorico. 

Gli alunni del Liceo Classico e del Liceo Artistico hanno potuto conoscere meglio le attività del Centro Internazionale Studi Gioachimiti e hanno mostrato i lavori che hanno realizzato, grazie al supporto dei docenti.

Guarda le foto 

 

Premiati con delle borse di studio gli alunni del  Liceo Classico e del Liceo Artistico che hanno partecipato al Concorso "S.Francesco di Paola e il valore della vita". 

Guarda gli elaborati

 

 

Pagina 1 di 4

Cerca nel sito

btn-covid

btn-didattica a distanza

btn-circolari

btn-normativa

albo pretorio

amministrazione trasparente

registro axios

privacy e protezione dati

logo-bacheca-sindacale

Portali scolastici

ministero istruzione

ufficio-scol-cal

scuola-chiaro

fse 2014-20

pon in chiaro

indire

logo sodilinux ver 8

Accesso riservato

Inizio pagina